HCI Gestione del Rischio Clinico – “Modello Organizzativo di gestione e controllo”

L’idea di fondo che ha caratterizzato la predisposizione della Legge Gelli-Bianco è stata l’affrontare, in modo organico, il problema del crescente contenzioso penale e civile che minacciava di soffocare la sanità.
La Legge Gelli-Bianco, con l’intento di restituire tranquillità al personale sanitario, ha voluto affrontare il problema della responsabilità riducendo l’ambito del penalmente rilevante e spostando l’onere risarcitorio sulla struttura sanitaria laddove il rapporto con il Paziente non è mediato dalla presenza di un Medico fiduciario di libera scelta.

Dopo circa un mese dall’entrata in vigore della legge, che dire?
Sul versante penale, la Corte di Cassazione Penale, con la nota di decisione penale 3/2017, ha anticipato il contenuto della propria decisione chiarendo che, ai fatti verificatisi prima del 1° aprile 2017, data di entrata in vigore della nuova disciplina, si dovrà applicare la vecchia e più favorevole previsione della legge Balduzzi, che aveva escluso la rilevanza penale delle condotte caratterizzate da colpa lieve, in tutte quelle situazioni nelle quali è possibile l’applicazione di linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica e sul versante della responsabilità civile non è chiaro quando debba intendersi “contrattualmente assunta una obbligazione”.

Sul versante della responsabilità civile è chiaro che l’applicazione della legge determinerà nuovi e maggiori oneri per le strutture sanitarie.
Tra tutti gli adempimenti il principale sarà l’adozione di un modello organizzativo (HCI Gestione del Rischio Clinico – “Modello Organizzativo di gestione e controllo”) volto a prevenire a monte quei rischi, prevedibili e prevenibili, che in qualche misura potranno incidere sulla erogazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie. Il Modello Organizzativo delle Case di Cura di HCI è stato predisposto in data 23.10.2010 (prima emissione), revisionato in data 12.10.2013 e quindi aggiornato (rev. 2) in data 01.10.2017.

Cliccare sul link per visualizzare il documento >>


Leggi tutte le news